top of page
  • Writer's pictureAthanasia Seimenidou

Georgia: Credo

Una delle cantanti italiane più note e amate è senz'altro Giorgia.

Cantautrice, musicista, produtrice discografica, Giorgia è una delle migliori cantanti di tutti i tempi; tanto che la rivista Billboard la definisce "la quarta voce più grande al mondo".


Le sue canzoni, coi versi profonti e la musica toccante, parlano al cuore del pubblico.

Giorgia | Cantante italiana
Giorgia | Cantante italiana

Credo, pubblicata nel marzo del 2017, è una canzone che parla di speranza, di coraggio, di fiducia in sé stessi e negli altri. È una canzone che fa riflettere. Che ci ricorda che dopo ogni tempesta, torna la luce ma bisogna credere. Credere in noi stessi. Credere nelle nostre forze. Credere nel cambiamento. Credere nel miglioramento.


La canzone dal ritmo coinvolgente che rimane in mente, trasmette un messaggio ottimista. Una nota di speranza di cui sicuramente tutti abbiamo bisogno.


Analisi grammaticale ma anche spunto di riflessione la canzone di oggi allora! Buon ascolto!


Giorgia: Credo (1)

Testo: Tony Maiello

Musica: Tony Maiello, Daniele Rea, Domenico Abate, Enrico Palmos


Cancellerò (2) il passato per non tornare indietro Mentre riguardo (3) in uno specchio (4) i segni di chi ero È il tempo del risveglio (5), risalgo (6) dal profondo (7) Dopo aver fatto a pugni con me stessa credo (8)

E credo nelle (9) lacrime che sciolgono (10) le maschere Credo nella (9) luce delle idee Che il vento non può spegnere

Io credo in questa vita (9), credo in me (9) Io credo in una vita, credo in te Io credo in questa vita, credo in me

Credo nell'universo nascosto in uno sguardo (11) Nella magia del tempo che scandisce (12) un cambiamento E resterà (13) il ricordo ma non sarà (14) un tormento Dopo aver fatto un patto col mio ego credo (15)

<Ritornello>


E credo in un amore che Vince sempre sulle tenebre (16) Io credo in una vita, credo in te

Sono consapevole (17) Che non cambiano le regole Ma credo in un amore che Vince sempre sulle tenebre

Credo ancora in un bacio che parte E il cuore che batte (18) Uomini e macchine L'inizio e la fine (19) La vita e la morte Ancora rinascere (20) Come le stelle Tra l'arte, il disordine E un giro di anime Siamo satelliti Intorno all'amore (21) Intorno all'amore Credo <Ritornello>

Analisi grammaticale

(1) Credo: presente del verbo regolare credere, 1a persona singolare.

[credo - credi - crede - crediamo - credete - credono]

  • Significato: avere fede, essere convinti di qualcosa, ritenere vera una cosa, ritenere possibile o probabile qualcosa. Sinonimi: stimare, pensare, giudicare, ritenere, sospettare.

  • Credere è un verbo intransitivo della 2a coniugazione in -ere che forma i tempi composti con l'ausiliare avere.

"Ho creduto alle sue bugie".

  • Come verbo che esprime opinione, credere regge il congiuntivo.

"Credo che lui sia una persona affidabile".

  • Credere come sostantivo maschile significa opinione.

"A mio credere è così". (a mio giudizio, secondo la mia opinione)

  • Credo come sostantivo maschile significa la fede, il dogma, le idee, i principi di una persona o di un gruppo.

"Il credo cattolico".

"Il credo di ognuno va ritenuto santo".

  • Infine, credo è anche la formula liturgica in forma di preghiera che riunisce le principali verità della fede cristiana: dire, recitare il credo.

(2) Cancellerò: fututo del verbo cancellare. 1a persona singolare.

[cancellerò - cancellerai - cancellerà - cancelleremo - cancellerete - cancelleranno]


Sinonimi: eliminare (scritto, disegno), cassare, deppenare.

"Per favore, non cancellate la lavagna".

"Ho cancellato il suo nome dalla lista".


(3) riguardo: presente del vervo riguardare, 1a persona singolare.

[riguardo - riguardi - riguarda - riguardiamo - riguardate - riguardano]


Significato: guardare di nuovo, guardare più volte, guardare attentamente.

"Devo riguardare i conti".


(4) uno specchio: "uno" è articolo indeterminativo maschile singolare. Si usa "uno" perchè la parola "specchio" comincia per S impura (S + consonante).

  • lo specchio - gli specchi

  • uno specchio - degli specchi

"E lo specchio magico le rispose: Maestà tu sei bella, ma Biancaneve è più bella di te".


(5) risveglio: sostantivo singolare maschile. Deriva dal verbo risvegliare.

  • il risveglio - i risvegli

Significato: il fatto di risvegliarsi (passaggio dal sonno alla veglia).

In questo caso, in senso figurato, avrebbe il significato di rinascita, di ripresa.

"La primavera è la stagione del risveglio della natura".


(6) risalgo: presente del verbo risalire. 1a persona singolare.

[risalgo - risali - risale - risaliamo - risalite - risalgono]


Significato: salire di nuovo.

"Si dice che una volta toccato il fondo non puoi che risalire".


(7) profondo: sostantivo singolare maschile (il profondo - solo singolare) che indica la parte più profonda o interna di qualcosa: scendere nel profondo del mare, la parte più intima dell'animo o del cuore: ringraziare dal profondo del cuore.


(8) Dopo aver fatto a pugni con me stessa credo: Proposizione subordinata temporale implicita che esprime posteriorità. Dopo + infinito passato.

  • Dopo la congiunzione temporale “dopo” e quando il soggetto della subordinata e della reggente coincidono, segue infinito passato.

"Dopo aver finito i compiti sono uscito con i miei amici".

"Dopo aver fatto a pugni con me stessa credo".

"Dopo aver mangiato la torta mi sono sentita male".

  • Fare a pugni significa venire alle mani, accapigliarsi, azzuffarsi. In senso figurato significa contrastare fortemente: le sue idee fanno a pugni con le mie.

(9) credo nelle lacrime/credo nella luce/credo in questa vita/credo in me/credo in te:

Credere + in vs credere + a

  • Credere in: vuol dire avere la certezza dell’esistenza di qualcosa/qualcuno o avere fiducia in qualcuno.

  • Credere a: vuol dire ritenere vero qualcosa che viene detto da qualcuno, prestare fede a qualcosa o a qualcuno.

Esempi:

"Credo in te" significa che ho fiducia in te

"Credo alle tue parole" significa che credo a quello che dici, ritengo che quello che dici sia vero.


(10) sciolgono: presente del verbo sciogliere. 3a persona plurale.

[sciolgo - sciogli - scioglie - sciogliamo - sciogliete - sciolgono]


"Ha cercato di sciogliere il ghiaccio con una delle sue solite battuta".


(11) uno sguardo: "uno" è articolo indeterminativo maschile singolare. Si usa "uno" perchè la parola "sguardo" comincia per S impura (S + consonante).

  • lo sguardo - gli sguardi

  • uno sguardo - degli sguardi

"Alzando lo sguardo mi sono accorta dei suoi occhi su di me".


(12) scandisce: presente del verbo scandire. 3a persona singolare.

[scandisco - scandisci - scandisce - scandiamo - scandite - scandiscono]


significato: pronunciare distintamente/lentamente, sillabare, staccare, marcare, dividere più o meno regolarmente.

"Ha ripetuto tutto scandendo bene le parole". (articolare)

"Il metronomo è un pendolo che scandisce il ritmo musicale". (scandire il tempo: ritmare)


(13) resterà: futuro del verbo restare. 3a persona singolare.

[resterò - resterai - resterà - resteremo - resterete - resteranno]


"Stasera resto a casa. Non ho proprio voglia di uscire".


(14) sarà: futuro del verbo irregolare essere. 3a persona singolare.

[sarò - sarai - sarà - saremo - sarete - saranno]


"Sarà come dici tu, ma io ho deciso di farlo".


(15) Dopo aver fatto un patto col mio ego credo: anche qui abbiamo una proposizione subordinata temporare formata da dopo + infinito passato.

  • Fare un patto: vuol dire fare un accordo.

  • col: preposizione articolata. Si forma dalla preposizione semplice con e l'articolo maschile singolare il: con + il.

  • ego: deriva dal latino e significa "io".

(16) Vince sulle tenebre:

  • Vince: presente del verbo vincere. 3a persona singolare.

  • Sinonimi: superare, sorpassare, battere, sconfiggere. Contrari: perdere, fallire

  • Vincere su: prevalere su qualcosa, riportare una vittoria.

"Vince sulle tenebre".

"L'esercito ha vinto su tutti i fronti".

  • Vincere in: essere superiore, superare.

"Vinceva in bellezza tutte le coetane".

  • tenebre - tenebra: significa oscurità totale, completa assenza di luce, assenza di chiarezza o di verità . Di solito in plurale:

"Camminare nelle tenebre".

"Tutto è avvolto nelle tenebre".


(17) Sono consapevole: significa che mi rendo conto di qualcosa, che sono informato.


"Siamo consapevoli di come stanno le cose e del rischio che c'è".


(18) il cuore che batte: battere è un verbo regolare, sia transitivo che intransitivo. Si dice:

  • battere il tappeto

  • battere moneta: coniare

  • battere le mani: applaudire

  • battere i denti per il freddo

(19) la fine: (sing. fem.) è il momento in cui qualcosa finisce, la conclusione.


"Verrò alla fine del mese prossimo".


il fine: (sing. masc.) è lo scopo, l'intenzione.


"Dobbiamo valutare i mezzi e i fini".

"Il fine giustifica i mezzi" - Machiavelli


(20) rinascere: nascere di nuovo. Si coniuga come nascere.

[rinasco - rinasci - rinasce - rinasciamo - rinascete - rinascono]


"Una bella doccia ci ha fatto rinascere".


(21) Chiudiamo con i versi Siamo satelliti intorno all'amore. Una bella frase che ci invita a non dimenticare la forza dell'amore. Che ci invita a imparare a vivere amando.

  • Satellite: sostantivo maschile, un corpo celeste che ruota attorno a un pianeta.

"Il satellite naturale di Saturno si chiama Dafni".

 

Fonti:

915 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page